Un mito, a suo modo – presentazione

26 Nov

mercolady 2 dicembre, dalle 19.30 alle 22
da Betty&Books, Via Rialto 23/a

Presentazione del libro Un mito, a suo modo, di Paola Guazzo, Edizioni Libreria Croce 2009
Serata in collaborazione con Fuoricampo Lesbian Group. Con aperitivo.

ne parliamo con:
Paola Guazzo, autrice
Beatrice Busi (giornalista, laboratorio Smaschieramentii)
Luki Massa (regista, Fuoricampo Lesbian Group)


“Un mito, a suo modo” di Paola Guazzo è una narrazione che esce dall’ ordinario, a più voci, tutte rigorosamente femminili. Tanti ritratti di donne costituiscono una polifonia fatta di dissonanze. Gli amori, le vite, non è possibile riportarle a nessun denominatore comune se non quello dell’eterna ricerca di una felicita’ forse possibile certo bramata e desiderata, ognuna a suo modo. La liberta’ d’espressione e di amore e’ la matrice comune, che si respira nei racconti dei viaggi nell’amatissima Spagna, i colori, i profumi, quel sogno di liberazione che il paese rappresenta, una terra lontana e altra fatta tutta per amare, così lontana dalle costrizioni dell’odiata provincia. L’azione e’ frammentata, sono schegge di vita vissuta o pensata che vivono nella pagina.
Un mito, a suo modo è una ricerca letteraria sperimentale, e’ un romanzo a tematica lesbica, colto, pieno di citazioni e rimandi nello stile e nei contenuti, la libertà espressiva e’ totale e fa del testo un divertimento letterario intelligente e irresistibile.

Così Paola Guazzo ci descrive il suo libro: “Un mito, a suo modo è ambientato negli anni Novanta, anni in cui a mio avviso l’ ‘uscir fuori’ delle lesbiche italiane è stato dirompente e significativo, sia a livello individuale che di ‘comunita’ ‘. Ho quindi scelto personagge non strettamente politiche per dare un’idea ampia degli ambienti e delle protagoniste di quella stagione.
I luoghi, a parte una breve carrellata su Milano, sono mediterranei: un network ligure-occitanico e, in particolare, catalano. Una Barcellona sognata, evocata e meditata e’ l’eroina segreta di questo romanzo, anche se esiterei a definire quel che ho scritto come tale, almeno nel senso oggi più diffuso; parlerei piuttosto di un percorso avventuroso, di una sperimentazione che tende a scardinare trame e stili consueti fondandone dei nuovi.
Il mito del quale parla il titolo non si riferisce a una narrazione archetipica tradizionale, anche nelle sue varianti postmoderne del tipo “Sei un mito” degli 883, ma all’invenzione di un “a suo modo” non convenzionale e prepotentemente soggettivo che riguarda i personaggi, chi scrive e, non da ultime, le lettrici e i lettori. Questo romanzo-mito è speculare a cio’ che per me è il lesbismo.”

Recensione di Franco Bolelli su Tutto Milano (supplemento di Repubblica), 8/10/2009:

“C’e’ qualcosa che non va, se premi e dibattiti letterari si attorcigliano intorno a romanzi quasi immancabilmente, pretenziosamente stucchevoli, mentre questo “Un mito, a suo modo” esce per un molto piccolo editore
(Edizioni Croce). Perche’ Paola Guazzo ha spettacolare, straripante, vertiginoso talento linguistico (fate conto il modello Arbasino-Gadda moltiplicato per una avanzatissima cultura pop) con cui imbastisce una storia fatta di tante storie, molto vitale, molto sensoriale, molto lesbica (nessuna traccia di personaggi maschili). Libro godibilissimo, se non vi accontentate di linearita’ e minimalismo, se non temete di avventurarvi in una ridondante, molecolare, torrenziale epopea contemporanea femminile.”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: