Minus Habens di Squaz: molto piu’ di un vernissage!

16 Giu

mercoLady 24 giugno, dalle 19.30 alle 22 – da Betty&Books Via Rialto 23/a

in occasione del vernissage della mostra di Squaz: presentazione di Minus Habens, (Grrrzetic Editrice, 2009) libro incendiario di disegni e rime; improvvisazioni musicali, declamazioni polifoniche!
Una serata  straripante, con: SQUAZ (demiurgo), Luigi Lullo Mosso (al contrabbasso), Alessandro Sorrentino (alla chitarra) Giuseppe Palumbo (alla declamazione dei “33 motivi per mandar in fumo un fumetto”) e Angela Baraldi (che ce le cantera’ in rima!).

minus_cover

Come sempre aperitivo, libagioni e free entrance. Sia chiaro, questa e’ innanzitutto una festa, in cui celebriamo la nuova creazione e forse la  necessaria distruzione di qualcos’altro (cosi’ sospettiamo, dopo aver letto il libro).
In collaborazione con Grrrzetic Editrice e Scuola Popolare di Musica Ivan Illich

I musici qui ci invitano a una semi-improvvisazione, e Betty&Books accetta la sfida con piacere! e ora qualche dettaglio sugli ospiti.
Iniziamo dal festeggiato, piu’ o meno in ordine di apparizione:

Pasquale Todisco, a.k.a. SQUAZ la sua bio la trovate qui oppure potete dare un’occhiata al suo blog.

GIUSEPPE PALUMBO non ha certo bisogno di presentazioni, soprattutto fra gli amanti del fumetto, e non solo in Italia visto che ha pubblicato anche in Giappone, Grecia, Spagna, Francia! Prolificissimo disegnatore e grandissimo autore, inizia a pubblicare fumetti nel 1986 su riviste come Frigidaire prima e Cyborg poi, sulle cui pagine crea il suo personaggio più noto, Ramarro, supereroe masochista. Nel 1992 entra nello staff di Martin Mystère (Sergio Bonelli Editore) e nel 2000 in quello dell’ormai mitico Diabolik (edizioni Astorina), cui spesso presta la sua penna. Nel suo portfolio figura anche Lupin III, il ladro più famoso dei cartoon (Kappa Edizioni). Tra le sue pubblicazioni più recenti Tomka, il gitano di Guernica, su testi di Massimo Carlotto (Rizzoli Editore). Dal 2000 coordina il lavoro dello studio Inventario Invenzioni per l’editoria di Bologna, dove prosegue la sua attività di illustratore e copertinista. In questo settore collabora stabilmente con le edizioni Mondadori, Einaudi, Feltrinelli. Come illustratore lavora per la rivista Pulp, per i quotidiani Il Sole 24 Ore e L’Unità, nonché per la divisione scolastica delle edizioni Paravia e Zanichelli.
Ha vinto numerosi premi. Tra gli altri, lo Yellow Kid, il Bonaventura e l’Attilio Micheluzzi come miglior disegnatore italiano. Sicuramente abbiamo dimenticato qualcosa: ecco il suo sito

ANGELA BARALDI cantante, attrice di cinema, teatro e televisione. Nella sua filmografia fra l’altro: Come due coccodrilli, regia di Giacomo Campiotti (1994), Jack Frusciante è uscito dal gruppo, regia di Enza Negroni (1996), Di cielo in cielo, film tv (1997), Quo vadis, baby?, regia di Gabriele Salvatores (2005), Quo vadis, baby?, miniserie Tv (2008). In teatro dal 2001 a oggi ha recitato fra l’altro ne I monologhi della vagina, in Maigret e il delitto a teatro, di Carlo Lucarelli, in Sporting Life, regia di Anna DeManincor per Zimmerfrei, in The Good Body, regia di Giuseppe Bertolucci e Luisa Grosso, in The Beggar’s Opera, regia di Lucio Dalla, in Le Cognate di Michel Tremblay, regia di Andrea Adriatico, Dondolo di Samuel Beckett in Non io nei giorni felici, regia di Andrea Adriatico.
Le sue incursioni musicali sono ancora piu’ complesse, ci limitiamo a una essenziale discografia: Viva (1990), Mi vuoi bene o no? (1993) Baraldi lubrificanti (1996), Rosasporco (2001), Angela Baraldi (2003).
Non possiamo dire che e’ la nostra preferita per ragioni diplomatiche… la sua bio artistica completa la trovate sul suo sito, dove trovate anche le news e le date a venire.

LUIGI LULLO MOSSO, torinese classe 1965, inizia studiando chitarra presso la scuola del Centro Jazz Torino e  presto anche il contrabbasso presso i seminari di Siena jazz. Dal 1992 vive a Bologna dove intraprende una intensa attivita’ concertistica professionale nei piu’ disparati ambiti musicali: jazz, musica improvvisata e di ricerca, musica etnica e popolare, musica da ballo, per teatro, dance, leggera, animato da un’eclettica curiosita’ verso le tante e differenti espressioni del fare musica. Ha suonato e suona con i gruppi Vakki Plakkula, Cuboterzo, Jorge, gli Impossibili, Specchio Ensemble, Paolo Angeli Fraili, Clangreco, Amarcord, Roy Paci Corleone Shellvibes, Tristan Honsinger Small Talks, e con vari progetti nell’ambito del collettivo di musicisti Bassesfere a Bologna di cui e’ uno dei fondatori.
In quindici anni di attivita’ ha collaborato occasionalmente con importanti musicisti (Massimo Urbani, Paolo Fresu, Antonello Salis, Carlo Actis Dato, Lester Bowie, Don Moye; Tim Berne, Butch Morris, Han Bennink, Steve Lacy, Peter Kowald, Phil Minton, Tristan Honsinger) suonando in festival e rassegne in tutta Europa e pubblicando circa 15 cd.

ALESSANDRO SORRENTINO è nato a Pavia, ma è cresciuto a Taranto. Suona con il gruppo di musiche di tradizione del sud Italia Grattula Beddattula, ha suonato tra gli altri con: Ingresso Gratuito e Freetto Meesto (formazioni di musica improvvisata). Con la cantante Francesca Esposito ha realizzato Poeti e contadini, spettacolo su testi di I. Buttitta, R. Scotellaro e A. Pierro. Ha composto musiche per spettacoli teatrali e per il cortometraggio animato del disegnatore Pasquale “squaz” Todisco: Dottor Makumba Voodoo Sanatorium. Compone ed arrangia le musiche per lo spettacolo di narrazione “Ciccio vendetta” dello scrittore siciliano Mario Valentini.
Ha svolto ricerche sul campo sulle musiche popolari di tradizione orale in Puglia, Basilicata e Campania e sulla storia orale in Puglia, Basilicata ed Emilia Romagna. E’ stato premiato al Festival Taranto Cinema, con il regista Simone Ciani, per un documentario sulla Settimana Santa a Taranto. Tiene presso la Scuola Popolare di Musica Ivan Illich di Bologna i corsi di chitarra acustica, elettrica e battente; quello di mandolino; laboratori di musica d’insieme e sull’improvvisazione nelle musiche popolari del sud Italia. Sempre per l’Ivan Illich ha tenuto per quattro anni un laboratorio di musica presso il carcere minorile di Bologna. Ha pubblicato, inoltre, articoli su Urlo, sue poesie su la rivista Il macero e su Voci di poesia (antologia di poeti a Bologna). Collabora con la scrittrice Gabriella Ghermandi curando le musiche per gli spettacoli Un canto per mamma Heaven e All’ombra dei rami sfacciati carichi di fiori rosso vermiglio. Collabora con la Fanfara Burek ed il quartetto vocale Cronopios-Voci in azione per la messa in scena dell’Odissea di Omero. Suona con il gruppo di improbluessperimentalavantjazz Mocho Workin’.

Se siete arrivati fin qui siete curiose e curiosi quanto noi di quello che succedera’ il 24: vi aspettiamo! Oh yeah.

Una Risposta to “Minus Habens di Squaz: molto piu’ di un vernissage!”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Tempo Reale » Blog Archive » Minus Habens: presentazione della mostra e del libro di Squaz - 24 giugno 2009

    […] 24 giugno, giorno dell’inaugurazione della mostra di Squaz “Minus Habens”, da Betty&Books sarà presentato l’omonimo libro dello stesso autore (GRRRzetic Editrice, 2009, introduzione […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: